Home » Rassegna stampa » IL PICCOLO - 30 dicembre 2011

IL PICCOLO - 30 dicembre 2011

IL PICCOLO - 30 dicembre 2011 - Sleddog Club Mushers Friulani

Quella di Basovizza non è stata un’apparizione casuale. Lo sleddog, infatti, ha trovato anche a queste latitudini dei validi interpreti. Lungo i sentieri del bosco Bazzoni, si erano dati appuntamento un centinaio di musher, per dar vita al primo trofeo di sleddog «Città di Trieste». Una disciplina in costante ascesa, quella delle slitte trainate dai cani, che, in assenza di neve, viene praticata utilizzando dei carretti su ruote, comuni mountainbike, oppure correndo a piedi. La propulsione principale, però, è sempre quella fornita dal cane, solitamente di razza nordica. Ad alcune settimane da quell’evento, due triestini si sono messi in evidenza ai campionati europei di Smlednik, in Slovenia, e a quelli italiani di Farra d’Alpago. Nella disciplina «Canicross 2», corsa con due cani, la competizione continentale ha visto il trionfo del team italiano. Il podio, infatti, si è dipinto completamente d’azzurro, grazie alle prestazioni dei triestini Diego Buranello e Alessio Del Fabbro. Fra i due, si è classificato il goriziano Giulio Alessandris. La gara è stata molto combattuta e si è risolta sul filo dei decimi di secondo. L’oro europeo è andato a Buranello che ha preceduto, di soli 7”, Alessandris. Bronzo per Del Fabbro, attardato, rispetto al vincitore, di 10’. Solo sette giorni più tardi, i tre protagonisti si sono potuti concedere la rivincita. Sul percorso che ospiterà i campionati europei 2012, infatti, è stato messo in palio il titolo italiano su terra. Questa volta, però, il podio ha subito un completo ribaltamento. A vincere l’oro nazionale è stato Del Fabbro, che ha preceduto Alessandris, ancora secondo, e Buranello, che stavolta si è dovuto accontentare della medaglia meno pregiata. I tre, nonostante l’agonismo espresso in gara, appartengono allo stesso team, i Mushers Friulani, società organizzatrice della kermesse triestina, che appare quanto mai competitiva.
Luca Saviano (il Piccolo di Trieste)